proverbi

U saziu non crida all'affamatu
La persona che ha mangiato non crede a quella che e' a digiuno
U vua dicia cornutu a lu ciucciu
Il bue dice cornuto all'asino
Miejju na mala spina ca na mala vicina
Meglio una cattiva spina che una cattiva vicina
E' bbona meritata, cu non ava ne sociara e ne cognata
E' buona da meritare chi non ha ne suocera e ne cognata
Cu prima non penza duoppu suspira
Chi prima non penza alla fine sospira
Pe' masculi nda manca, pe' himmani nda resta
Per i maschi ne manca per le femmine ne resta
I guai da pignata i sapa a cucchiara chi manijia
I guai del tegame li conosce il mestolo che li mescola
Miejju na vota a russicara ca cientu 'ngialinira
Meglio diventare una volta rosso che cento diventare gialli
Casa quantu u pua stara e vigna quantu nda pua zappara
Abitazione quanto poter stare e vigna quanto se ne puo' zappare
Chidhu chi a'ppa hu'ocu, campau... chidhu chi a'ppa pana moriu
Chi ha avuto fuoco e' campato ,chi ha avuto pane e' morto
Fatti i ha'tti tua ca campi centanni
fatti gli affari tuoi che campi cento anni
Cu disprezza vo' ccattara
Chi disprezza vuole comprare.
Cunzijjhi de viecchi e forza de giuvani
Consigli degli vecchi e forza dei giovani
U cana zanna sempa u culu do sciancatu
Il cane azzanna sempre il sedere del povero
Ti sana lu mangiara e lu vivira lu troppu hatigara ti conzuma
Ti sana il mangiare e bere il troppo lavorare ti conzuma
Pata sempa u giustu pe' u peccatura
Patisce sempre il giusto per il peccatore
A guttala dissa a la petra: dammi tiempu ca ti cupu
La goccia disse al sasso: dammi tempo che ti buco
Panza 'china canta e non cammisa janca
Pancia piena canta e non camicia bianca
O a gutta 'china o a mujjera mbraca
O la botte piena o la moglie ubriaca
Miejju n'amicu nta na chiazza ca cietu dinari stritti nta' sacca
Meglio un amico in paizza che cento denari in tasca
U vinu buonu hi'nu a la he'zza a rrobba bona hinu a la pezza
Il vino buono fino al residuo la roba buona fino agli stracci
U' 'meta cu simina
miete chi ha seminato
A lu 'vua servaggiu dalli corda assai
Al bue selvaggio dagli molta corda
Cu 'hacia bena riciva mala
Chi fa' del bene riceve male
'Hatta a 'leggia, gabbatu u santu
Fatta la legge, accontentato il Santo
Frevaru: curtu e amaru
Febbraio corto e amaro
Cu ngrassa u cana stranu perda u cana e puru u pana
Chi ingrassa il cane altrui perde il cane ed il pane.
Lavati do 'mara e servati da terra
Lavati dal mare e serviti dalla terra
'fijjhi da 'mujjera e sordi da gurzidha.
Figli dalla moglie e soldi dalla tasca.
U 'sula a cu vida scarfa.
Il sole chi vede riscalda.
A 'vucca e' na 'ricchezza ( U gattu ammienzu u mara non 'sappizza. )
La bocca e' una ricchezza ( il gatto in mezzo al mare non si perde )
Cu mangia e caca diventa papa
Chi mangia e fa i bisogni senza lavorare e' come il Papa
U cana chi si spagna i gridati, piecuri non da mangia
Il cane che ha paura del gridare, pecore non ne mangia
A 'piattu ed a saccu chi 'mienti 'truovi
Ad piatto ed a sacco quello che metti trovi
U cana chi abbaia assai muzzica puocu
il cane che abbaia molto azzanna poco
U culu chi non vitta mai a cammisa, quando sa misa sa' 'cacau.
Il sedere che non ha visto mai una camicia, quando l'a vista la ha sporcata
A culu stritto 'on ce 'vo' cacaredha
A sedere stretto non ci vuole la diarrea
Chanu chanu la lana si hila ed ogni filu a lu piettina vena
piano la lana si fila ed ogni filo al pettine viene
Quando e' 'stata e l'acqua e' frisca u vinu e' sempa miejju e l'acqua
Quando e' estate e l'acqua e' fresca il vino e' sempre meglio dell'acqua
Si no'n ti mariti lu viernu attizzi,ma si ti mariti lu mpiernu t'abbrazzi
Se non ti sposi l'inverno per riscaldarti accendi il fuoco, ma se ti sposi l'inferno ti abbracci
U gattu chi e' mparatu a lu lucignu non sin'dda ccu'ra ca si cocia l'unjia
Il gatto che e' imparato alla candela non se ne cura se si brucia l'unghia
Si fimmina non fussi nata, ne guerra ne mal'annata
Se femmina non fosti nata , non guerra e non cattiva annata
Parrara chiaru non e' 'dihiettu
Parlare chiaro non e' difetto
Chiaru-chiaru e tundu tundu
Chiaro chiaro, tondo tondo
Quando nce', vo' nce' vo'
Quando ci vuole , ci vuole
Marzu marzicchiu, nu puocu chiova nu puocu t'assulicchia
Marzo, un poco piove un poco esce il sole
L'acqua d'aprila ngrassa lu vua, e lu puorcu ammazza
L'acqua di Aprile ingrassa il bue e uccide il maiale
Si cavuli nuovi non dda chianti i viecchi ne' 'tajjara
Se cavoli nuovi non ne pianti i vecchi non gli tagliare
Jennaru siccu, massaruriccu
Gennaio secco massaio ricco
Da Candelora cu non ava carna s'impigna' a ' fijjola
Della "candelora" chi non ha carne si impegna la figlia
A jennaru fa l'agniedi,e frevaru fa li 'piedhi.
A Gennaio fai l'agnelli a Febbraio fai le pelli
Non raccumandara i piecuri'o lupu
Non raccomandare le pecore al lupo
Agustu e' capu e viernu
Agosto e' capo dell'inverno
Guardijati do riccu m'poverira e do poveru arricchira
Stai attento dal ricco che si impoverisce e dal povero che si arricchisce
Peccati e diebita si paganu
Peccati e debiti si pagano
A stata ricodhia' cutidhi ca u viernu sugnu nucidhi
D'estate raccogli sassolini che d'inverno sono noccioline
Puru ca alu gattu i ciangianu l'uocchi e u 'suricia ne scappa
Anche se al gatto gli piangono gli occhi il topo non gli scappa
Ognunu a l'arta sua, 'mora mindicu
Ogni uno della propia arte "mestiere" muore povero
Chi ha carita' da carna d'atru a sua sa mangianu i cani
Chi ha carita' della carne altrui la sua se la mangiano i cani
Ciuccia e mujhera na prestara ca o torna com'era
Asino e moglie non li prestare perche' non tornano com'erano
L'amicu si vida 'nto momentu do bisuognu
Il vero amico si nota quando hai bisogno
U mieglju vinu si viva ala casa do vicinu
Il meglio vino si beve a casa del vicino
U malignu ti ciangia cu l'uocchi e ti rida cu cora
il cattivo ti piage con gli occhi e ride con il cuore
A 'fimmina e nemica da pacia, 'idha fila tessa e dicia e tingia cuomu a picia
La femmina e' nemica della pace, lei fila tesse e dice e tinge come la pece
U mieducu pietusu, facia a caria verminosa
Il medico che ha paura di tagliare fa la ferita infetta
Quantu vala nu carru e nu carrila, quantu n'acqua de Maju e dui d'Aprila
Quanto vale un carro e cavaliere; quanto una pioggia di Maggio e due d'Aprile
Do mara lavati da terra tenati
Dal mare lavati dalla terra tieniti
A Maju o cacciara u saju a Giugnu staiu cuomu sugnu a giugniettu caccia i panni do liettu
A Maggio non cacciare il mantello, a Giugno sto bene come sono, a Luglio togli le coperte dal letto
Cu ava a mugliera bella sempa canta, cu ava sordi assai sempa cunta
Chi ha la moglie bella sempre canta chi ha soldi assai sempre conta
Lu Sabatu si chiama allegru 'cora pe 'chidu chi 'ava bella la mugliera, cu l'ava brutta li si ciangia u cora.
di sabato chi ha bella la moglie e' allegro, chi invece c'e' l'ha brutta gli piange il cuore.
'si hjungiu u fierru cu l'acciaiu:(O n'terra catta o rina misa)
Si e' unito il ferro con l'acciaio:(o e' caduto a terra o sabbia ha messo)
Ama gentiluomu e pierdi l'anni e cu tamarru o fara designi
Volere bene a gentiluomo e perdi gli anni e con il rude non fare progetti
Cu non si stipa suppressati a Pasqua non n'da trova
Chi non si conserva salame a Pasqua non ne trova.
tumana e guai cu 'ndava puocu cu 'ndava assai
grano e guai chi ne ha poco chi ne ha assai


Alcuni di questi proverbi sono stati copiati dal libro "Diavuli e Santi" di Tito Truglia