poesie scritte a Vallefiorita

Vallefiorita
 
Posata nte' na fhadda de muntagna
comu nu fhjura nte' nu virda pratu
na vota ncuna fhata ecca' passa'u
e chianu chianu ducia la mpingiu.

Comu reggina c'ammu si riposa
ammenzu tutti l'arvuri fhiuruti
nu fhjuma passa e cantu quetu quetu
e canta na canzuna mbarzamatu.

A ggenta ecca' canuscia li suduri
de la fhatiga tutti li doluri
de lu lavuru tutti i segreti
esu' paisa ecchissu lu peccatu;

nu nomuducia c'addura e gersominu
d'amuri parra e de duci penseri
Vallafhjuruta tutta regamata
a guardi de luntanu u cora accqueta.

Si a ggenta e' tuttu cora e l'acqua e' frisca
li cardidhuzzi cantanu canzuni
lu merulu si fhacia la fhole'a
nte' su paisa bellu comu u meu.

Nu cielu azzurru chi para pittatu
s'imbischia ccu li niegghi de la sila
na luna randa cchi para fhatte e cira
fhannu curuna e chissa valle e fjuri

Cca' li cotrari sugnu lattemmela
d'onora su mpastati edde lavuru
de gigli edde garompuli l'addura
ca belli comuchissi cchiu non trovi.

Vallefhjurita, tu ! Vallefhjurita
ti guardu de luntanu emmi cunsulu
mi sini cara comu u primu amura
ca bella comu tia nce' sulu... u sula.

Toto' Spano'


A Vallefiorita
 
Strepe la primavera nelle gole
delle tue valli d'onde chiaro s'alza
dalla fiumana libera nel sole
un canto d'acqua, di tra balza e balza.
Ai margini dei rii crescon viole;
lungo il sentiero la femmina scalza
snoda gli agili fianchi; e tu parole
d'amore hai con il vento che t'incalza
e ti scavezza pertutte le rame,
pesco, che d'ogni fibbra hai fatto fiore
e nella scorza t'urge Aprile.
Su te' si posa come biondo sciame
questo volo di versi, cui nel cuore
ride la sanita' primaverile.

II Smaga la luce sulle case; trilla
tra rami e solchi un cuor di capinera lontana;
piu' lontano Espero brilla;
un fremito di spole e' nella sera.
Da porta a porta l'opera tranquilla
del telaio, su cui una chioma nera
ondeggia sopra un'attenta pupilla,
palpita dentro un nimbo di preghiere:
fra le nuvole bianche, diradate,
dalle brezze, si levano squillanti
i rintocchi dell'AVE VESPERALE.
Il fumo dei camini sale a ondate:
blando si svolge, come frotte d'ale
turchine dentro il ciclo lontani...

Francesco Laugelli


"alu paisiedhu mio" (2002)
 
Vallefiorita scendi giu' come fossi un ruscello che porta le sue acque alla foce.
Nascosta tra le colline di ulivi come se per incanto il vento ti volesse rapire. 
Sei posata come una gemma preziosa  su di un manto fiorito.
Se la vedi da lontano di certo ti innamori.  
Paese di usanze antiche e di ricche tradizioni,
qui in questi luoghi si sente ancora il sapore della genuinita', la fragranza dell'aria fresca e profumata. 
Ma per cattiva sorte alcuni suoi figli
 hanno dovuto emigrare per trovare lavoro e per avere un futuro migliore.
Le donne in questo paesino hanno dovuto lottare,
con i mariti emigrati dovevano lavorare la campagna e mantenere la famiglia.
Vallefiorita e' un paese agricolo e i suoi abitanti sono  lavoratori,
la mattina alle 5 vedi in fila indiana motozappe, trattori,
macchine e motocarri che vanno in campagna, a coltivare la terra
e ogni persona ha un pezzo di terra con animali da cortile che accudisce con cura.
Forse l'unica pecca dei Vallefioritesi e' quella di essere tirchi, 
risparmiatori, il motivo forse risale nel passato quando c'era la fame che con poco si doveva sfamare una famiglia.
Vallefiorita e' un piccolo paesino della Calabria
dove si trovano pochi sbocchi per un futuro di un giovane
questa purtroppo e' la ferita profonda di tutto il sud d'Italia,
ancora oggi  tanti giovani emigrano
questa cancrena io spero che finisca,
e spero in un domani migliore con piu' risorse per il lavoro per tutti.
Vallefiorita dal nome dolce e profumato,
sei fertile come la tua terra,  
sei cordiale come la tua gente,
sei ferita con la piaga dell'emigrazione,
sei profumata come le tue colline di primavera,
sei bella come una rosa appena sbocciata, 
sei cara e sarai sempre nel mio cuore.

Tommaso Catroppa


Sant'Ulia (1992)
 
Ti truavi ammienzu a dui vadhi
tra rupanu e u suveritu,
e supa nce'sugnu i vuaschi
e de sutta a strata e chiaravadhi.

I strati sugnu stritti
e nce'su`tanti viniedhi,
prima si girava cui ciucci
e mo si viaggia cui motoriedhi.

Avimu a villa chiantata d'arvuri e de fhiuri
duva i panchini sugnu sempa occupati,
e quattru o cinqu vecchiariedhi
e de giovani nnamurati.

Avimu u spiziu pe monumentu
ava vintanni chi u fhiciaru
e nu dassaru cca`
chi a notta fhacia spaventu.

I gienti su tutti guali
giuvani, viecchi, studenti e zappaturi
e pua nce' na catagoria speciala
avimu i mpiegati chi fhannu cuomu a cicala.

Avimu tanti emigranti
pero`nce' cu va`e cu vena ,
pecchi`cca`lavoru on dava
e mu zappi onvala mancu a pena.

Chissu e`Sant`Ulia
oh scusati, Vallefiorita u chiamaru,
mo mavia scordatu
c`ava tant a'nni chi u nomu lu cangiaru.

Piestro Olivadoti


TERRA MIA "dedicata a Vallefiorita" (2009)

Avevo quindici anni, quando sono andato via,
con il cuore in gola e con tanta malinconia,
ho lasciato la terra mia. Tu terra mia,
sei stata per me' come una madre,
che mi hai cresciuto e allevato
e dato quello che hai potuto,
ma non per questo ti ho lasciato e tu lo sai!

La famiglia e' cresciuta, diventata numerosa
E tu non potevi fare di piu', dar pane a tutti,
questo e' il motivo perche' sono andato via
per aiutare anch'io la famiglia mia.

Tu per me sei come la terra Santa,
che con una carezza e un abbraccio,
benedici i figli tuoi quando vanno via,
per la lontananza e la tanta nostalgia.

Sei gelosa dei figli tuoi quando vanno via,
e hai paura se qualcuno te li porta via.

Sei povera terra mia, ma ricca di orgoglio e altruismo,
ma ti prometto che prima o dopo tornero' da te',
saro' diventato uomo, e cosi' sarai orgogliosa
di avere un figlio come me'.

Come vedi dopo anni son tornato perche' mi mancavi tu terra mia,
mi mancava il tuo calore, il tuo affetto, il tuo amore,
le tue colline scure color velluto, e quei splenditi raggi di sole.

Amata terra mia, ti ho trovato un po' sciupata perche' sei stata trascurata,  
pero', allegra e piena di gioia, perche' i tuoi figli da te' son tornati.
 
(amata terra piu' che mai)  


Paolo Mammone


Vallefiorita (2009)
 
Vallefiorita, e un paese come tanti,
dove i forestieri, son trattati con i guanti

Il paese e ricco, pittoresco, e sorge in una verde valle
il contadino torna a casa, con un carico sulle spalle

Vallefiorita, e` il regno dell'ulivo, oro verde
che freschezza ,che delizia, niente si perde

Una conca verde, inondata dal sole
pane, ulive, vino, olio e miele

La mietitura,la trebbia, il grillo che canta
nei campi,il sudore scorre,la raccolta e tanta

La fanciulla,aiuta facendo i fasci di grano
ora ricorda,quel sacrificio non e stato invano

A l'imbrunire, tutto il paese,si mette al tavolo
l'alba viene presto,dorme il povero diavolo

Gustavo Bongarzone


Sant'Ulia
 
ci fu un tempo in cui
gli alberi di pietra raccontavano
le fiabe di Omero e i monaci
giunti da Oriente dividevano
il loro silenzio tra le caverne
scavate nella roccia e le piccole
case dei paesi del Sud.
ci fu un tempo in cui
il cuore degli uomini era addolcito
dal gesto forte e sereno della preghiera
e i pastori camminavano
sui prati dorati e le donne
parlavano del vivere
dell'acqua e del mattino.

a quel tempo Sant'Uli'a
era una terra coltivata da mani
sapienti e artigiane e la vecchia cattedrale raccoglieva i corpi intorno
al grande fuoco del tramonto,
il sole li arricchiva di grande energia
e la sofferenza dei luoghi insegnava
a vivere con severa umilta',
si cantava in festa nelle piazze
si cantava nei campi di grano
nelle vigne e in mezzo agli ulivi,
io stesso ricordo il suono
che rimbalzava sul muro dell'orto
e i carri pieni di raccolto
e gli asini colmi di stanchezza
e mia madre (e le madri) con le ciliegie
ed i fichi appena staccati dai rami...

ora Vallefiorita e' un paese
che volge gli occhi in direzione del mare
dove il vecchio castello scrive ancora
la sua storia feroce e il futuro bruma
scintille aspre e fasulle e gabbiani
anneriti volano intorno
a relitti sconosciuti.

abbracciata ai boschi
orgogliosi delle Serre, Vallefiorita
e' un campo di fiori selvaggi e di antiche
radici da sempre nascoste, ha smarrito
la sua autentica anima solare
e il sudore della volonta' si dissolve
nel vuoto posticcio che cinicamente
avanza a grandi soffi
di tramontana

Tito Truglia


IMMAGINA (canzuna pe' Sant'Ulia)
 
Si pienzi ca non c'e' u paradisu ma u vorrissi,
almenu t'u porri'ssi immaginara, u mpie'rnu
non mentarri'a vampi sutta i piedi e de supa
porri'ssi disegnara na striscia 'e cielu azzurru.

Si cridi c'avimu u dirittu u simu felici o'jia e no' domana,
immagina puru ca non c'e' capu e ne' cumandu,
e non sarria mancu tantu difficila...
Non ce sarri'a motivu u punti u hu'cila e mancu
u sputi supa i santi.

Immagina ca tutti vivimu mpa'cia e senza violenza,
pua dira ca io cri'ju a li fantasmi
ma non sugnu sulu e vorria na vota u porri'ssi
penza'ra puru tu i stessi cuosi e allora u mundu
sarri'a unu, unu sulu, e senza guerra.

Immagina a terra senza petru'na,
mi domandu si puru tu senza raggia e senza mbi'dia
porri'ssi penza'ra ca tutti i cristiani su frata e suo'ru.

Immagina ca tuttu u mundu si spa'rta u mundu
e sulu pe' chidhu chi bisogna,
pua dira ca cri'ju a li fantasmi ma non sugnu sulu
e vorria nu juornu u porri'ssi penza'ra puru tu
a stessa speranza,

allora u mundu sarri'a veramenta unu, unu sulu,

e senza guerra.



Tito Truglia