"cunturedha" - brevi racconti & filastrocche



















 
Maria Maria Maria nte' na cammara stacia non mangiava e non dormia e pensava sempa ammia.
Maria Maria Maria in una camera stava non mangiava e non dormiva e pensava sempre a me.



 
Ocedhuzzu piu piu ti mangiasti i 'hicu mio mo li scrivu a lu zi' Peppa mu ti spara qua scupetta
mu ti leva a chidhu mundu mu ti facia u culu tundu.
Uccellino pio pio ti sei mangiato il mio fico adesso gli scrivo allo zio Giuseppe per spararti con il fucile
per farti andare in quel mondo per farti il sedere rotondo.



 
Alla valle e jesofa' piccoli e randi tutti dha'
 e San Gianni cala dha' cu nu libru nta' mani sta'
 chidhu libru leja e dicia : peccatore e peccatrice
cu lu sapa lu veru de Dio e non lo dicia
 si gugghia ali coddari de la picia
cu lu sapa e non lu vo' 'mparara
si gugghia ali coddari di fuoco infernala.



 
A l'aria ni vidimu o contadinu
 cu zappa fundu e cu lavora chianu
 e cu non zappa ne asciuttu e ne vagnatu
 vena agustu e i si mangia a capu.
Al raccolto ci vediamo contadino
 chi zappa profondo e chi lavora piano
 chi non zappa ne asciutto e ne bagnato
 viene Agosto e gli si gratta il capo.



 
De Schidhaci vajiu e viegnu
 de la fama non mi tiegnu,
 Santulia dunami pana
 ca staiu moriendu e fama.
Da Squillace vado e vengo
 dalla fame non riesco a stare inpiedi
 San'Elia dammi pane
 perchè sto morendo di fame.



 
Aiu na 'hama na sita e nu suonnu
 na debolezza chi staiu moriendu
 ma si mi vena la bella mia in suonnu
 mi passa la hama la sita e lu suonnu
Ho una fame una sete e sonno
  una debolezza che sto per morire
  ma se mi viene la mia bella in sogno
  mi cede la fame la sete ed il sonno.



 
Caru cumpara domana ti 'mbitu
tu porta a carna 'ca io u spitu
tu porta u pana ca u mio è mucatu
 tu porta u vinu ca u mio è acitu
caru cumpara domana ti 'mbitu.
Caro compare domani ti invito,
tu porti la carne io porto lo spiedo
tu porti il pane perche' il mio e' ammuffito
tu porti il vino perche' il mio e' aceto,
caro compare domani ti invito.



 
Nc'era nu Micu chi 'avia nu jardinu, chi sulu sulu si lu zappava  e producia ficu e pigni, 
quandu era tiempu chi maturavanu a nu potiharu li carrijava,
nu bellu juornu l'assaltaru na quindicina e musicanti  chi ad unu ad unu si  mangiaru
 li cchiu randi e maturi si adhijru e duoppu chi si nda buttaru  nta capu a lu poveru Micu li pistaru.
 Micu trassè dissa : e và porta ficu e pigni, Dio mu ni scanza de trona de lampi  e do pitittu de musicanti.
C'era un Domenico che aveva un giardino che solo solo lo coltivava produceva fichi e pinoli
quando maturavano ad un commerciante glie li portava,
un bel giorno lo hanno assalito una quindicina di musicantiad uno ad uno se li sono mangiati e i più grandi e maturi si sono scelti e dopo che si sono riempiti la pancia glie li hanno tirato addosso in testa al povero Domenico.
Domenico trasse  disse: e và a coltivare fichi e pinoli , Dio ci deve scansare dai troni dai lampi e dalla fame dei musicanti.



 
Duormi duormi Pietru Gianni
'ca la mamma jiu a castagni
si nda porta ti nda mangi
e ssi nno tassietti e ciangi,
a nu cantu de hjumara
dha nesciu na pulicara
la pulicara alu ruviettu
duormi duormi nta lu liettu.
Dormi dormi Pietro Gianni
perche' la mamma e' andata a castagne
se ne porta te ne mangi
altrimenti ti siedi e piangi,
ad un parte del fiume
è nata una pianta
questa pianta ha le spine
dormi dormi nel lettino.



 
Carnalevara 'ha pe li cuntienti,
pe 'ccu ava carna e maccarruni assai,
amaru chidhu chi non appa nenta,
apparu de lu sula si curcau.
Carnevale è per le persone allegre,
per coloro che hanno molto carne e maccheroni,
amara la persona che non possiede niente,
uguale al sole va a dormire.



 
Ncera na vota , nu nonnu cu 6 neputiedhi
vacia u primu e li dica "nonnu mu ccatti u frischiettu", u nannu i dicia "sì, domana alu mercatu tu 'ccattu",
vacia u secundu e i dicia  "nonnu mu ccatti u frischiettu",u nannu i dicia "sì, domana alu mercatu tu ccattu",
vacia a nipotedha a 'chiu  piccula e i dicia "nonnu, te i sordi, mu ccatti domana nu frischiettu",
cara neputa tu si ca domana vua evieru u frischi.
C'era una volta un nonno con sei nipotini, il più grande lo va a trovare e gli dice "nonno me lo compri domani in fischietto al mercato"
il nonno gli risponde "Si, domani la mercato te lo compro", lo va a trovare il secondo e gli cerca ancora il fischietto ed il nonno risponde
che domani al mercato glelo compra, per ultima va a trovare il nonno la piccolina con i soldi in mano, "Nonno, ecco i soldi, domani mi compri un fischietto" il nonno gli risponde "Cara nipotina, tu si' che domani vuoi veramente fischiare"        

MORALE: (senza soldi non si dicono nemmeno messe) 



 
'si 'vua mu ti 'nda vieni, veritisndha,
lu paisiedhu mio non è luntanu,
'nce vuonnu dui o tri uri de caminu
pigjiamu lu treninu e na 'hilamu.
Se vuoi venire con me , vieni pure,
il paesino mio non è lontano,
ci vogliono due o tre ore di cammino
prendiamo il trenino e ce ne andiamo.



 
Si n'da pijiamu do varvieri
setta varvi hicia aieri,
e quandu i mancau u sapuna
i misa lu brodu de maccarruni.

Si n'da pijiamu do mastru d'ascia
juornu e notta sempa alliscia,
ma non li muca lu pana ala cascia,
ala mujiera do mastru d'ascia.
Se ne prendiamo del barbiere
sette barbe ha fatto ieri,
poi gli è mancato il sapone
è ha messo il brodo dei maccheroni.

Se ne prendiamo del maestro d'ascia
giorno e notte sempre accarezza,
ma  non gli si muffa il pane nella credenza
alla moglie del maestro d'ascia.